Prima giornata Torneo Internazionale

Data:
19/06/2016

CADERZONE/JAVRÈ – Buona prova per la rappresentativa
sperimentale di mister Grandi che nella prima giornata del Torneo “Euregio-G.S.
Fiavè” perde di misura contro il Tirolo, ma si riscatta alla grande nel derby
contro Bolzano grazie al guizzo di Santoni.

 

CPA TRENTO – FEDERAZIONE TIROLO 0-1

 

RETI: 30’
pt Bacher (TI)

CPA
TRENTO: Feverati, Cescatti, Dallapiccola, Dallavalle (10’ st Battisti), Maniotti
(16’ st Damonti), Marku, Maturi, Salvi (7’ st Ermon), Santoni (10’ st Magnago),
Todeschini (10’ st Foccoli), Trevisan (16’ st Tedde).
All. Grandi
 

FEDERAZIONE TIROLO: Wendlinger, Atzl, Őlmez, Markl,
Hellermann, Spin, Strobl (5‘ st Martin), Kahramann (1’ st Senol), Hofer (1’ st
Berger), Bacher (18‘ st Gritsch), Eichinger (25‘ st Schrimpf).
All. Spielmann 

ARBITRO:
Tairi di Arco-Riva (Gomes e Franceschetti di Arco-Riva)

 

Nella gara d’esordio avvio propositivo dei padroni di casa
che sorprendono l’organizzata formazione avversaria e sfiorano il vantaggio
dopo pochi secondi con Marku che mette i brividi al portiere sull’invito di
Maniotti. La risposta tirolese è affidata al tiro dal limite di Spinn, ma tra
l’undici di Grandi si rende ancora pericoloso: punizione larga di Trevisan al
12’ e combinazione insidiosa tra Maniotti e Todeschini al 13’. Sul fronte
opposto replica immediata con il talentuoso Bacher che serve Hofer che in
diagonale spedisce fuori. Con il passare del tempo la squadra di Spielmann
prende il pallino del gioco e mette in mostra un ottimo palleggio: gli
austriaci possono contare su un gruppo di atleti abituati a scendere in campo
assieme e il livello del gioco ne beneficia. Hofer si libera in dribbling e
appoggia per la conclusione Strobl su cui Feverati è sicuro. Il portiere è
ancora protagonista dopo un giro di lancette: Hellermann sulla sinistra
converge e calcia, ma Feverati si distende e devia in corner. A ridosso
dell’intervallo sale in cattedra Bacher: al 26’ gran controllo e tiro a lato,
poi all’ultimo minuto sblocca il risultato con un destro che si infila
all’incrocio. Nella ripresa austriaci ancora in avanti, ma i trentini non
demordono e nella seconda parte di frazione creano varie chance. Al 21’ assist
di Battisti per il tiro senza fortuna di Magnago, poi lo stesso Magnago incorna
a lato sul bel cross di Marku. L’ultima occasione è per Damonti: spunto di
Marku che mette in mezzo per il numero sei che con un tocco volante non trova
la porta.

 

CPA BOLZANO – FEDERAZIONE FRIULI 1-2

 

RETI:  25’ pt rig. Sgarbi
(BO), 22’ st Crevatin (FR), 28’ st Carlevaris (FR)

CPA BOLZANO: Tait, Bounou (16’ st Orfanello),
Capobianco, Gencarelli, Leonardi, Lurdhi (16’ st Michealer), Mussner (18’ st
Gigante), Prearo, Serena, Sgarbi (18’ st Tirabosco), Zulic.
All: Tornatore   

FEDERAZIONE
FRIULI VENEZIA GIULIA: Bulfon (1’ st Ferri), Carlevaris, Clemente, Crevatin, Della
Bianca (11’ st Dorbolo), Lenisa, Reggente (11’ st De Luca), Toffolo, Vascotto,
Vasques (3’ st Sgrazzutti), Zuliani (3’ st Pertoldi). All. Furlano  

ARBITRO:
Laddomada di Arco-Riva (Gomes e Franceschetti di Arco-Riva)

 

Nel
secondo match mattutino successo in rimonta per il Friuli che rende vano il rigore
di Sgarbi grazie ai gol di Crevatin e Carlevaris nel finale.
In avvio
una conclusione per parte in rapida successione, con i portieri che fanno buona
guardia. Al 13’ Zulic ci prova su calcio da fermo, ma la punizione termina
sopra la traversa e tre minuti più tardi dopo uno spunto sulla sinistra la
sfera finisce in area con Reggente che si vede ribattere il tiro a botta
sicura. Si gioca colpo su colpo, ma i bolzanini sono più brillanti e insistono
con il fendente di Serena di poco alto. La pressione dei ragazzi di Tornatore
viene premiata e a cinque dall’intervallo Sgarbi dal dischetto spiazza il
portiere e porta avanti i suoi. Al 13’ della ripresa il piazzato di Bounou non
trova lo specchio, mentre sull’altro versante Reggente è abile a smarcarsi al
limite e ad esplodere un destro secco che si alza per questione di centimetri. I
friulani prendono campo e negli ultimi capovolgono completamente la situazione.
Al 23’ st dopo un’azione insistita risolve appena dentro l’area e a due minuti
dallo scadere uno scambio offensivo pregevole mette Carlevaris nelle condizioni
di colpire con un diagonale calibrato che non dà scampo a Tait.   

 

FEDERAZIONE TIROLESE – CR FRIULI VENEZIA GIULIA 0-3

 

RETI: 5’ st e 9’ st De Luca (F), 32’ st rig. Cervatin
(F)

FEDERAZIONE TIROLO: Wendlinger, Senol (1‘ st Strobl),
Őlmez, Markl, Hellermann, Spinn, Kahramann (1‘ st Schrimpf), Bacher, Hofer,
Gritsch, Eichinger.
All.
Spielmann 

CR
FRIULI VENEZIA GIULIA: Ferri (1’ st Bulfon), Carlevaris, Cestari, De Luca (12’
st Cervatin), Della Bianca (1’ st Vasques, Dorbolo, Pertoldi (9’ st Lenisa),
Scherzo, Sgrazzutti, Tuffolo (1’ st Vascotto), Zuliani. All. Furlano 

ARBITRO:
Candolfo di Arco-Riva (Luciani e Giannone M. di Arco-Riva)

NOTE: espulsi al 3’ st Vasques (F) e al 31’ st Őlmez (T)

 

Nello scontro pomeridiano tra le due squadre vincenti al
primo turno prevale l’undici di Furlano che supera la formazione tirolese e
conquista così la vetta provvisoria nel girone. Protagonista dell’incontro Andrea
Carlevaris: nella prima frazione crea, mancando di cinismo, nei secondi
quarantacinque minuti si trasforma in uomo-assist propiziando le marcature che
hanno indirizzato la gara. Il primo brivido lo regala al 5’, ma la risposta
austriaca è repentina e sul capovolgimento di fronte Gritsch sfiora l’incrocio con
una splendida conclusione ad effetto. Al 19’ ancora Carlevaris immarcabile va
vicinissimo al vantaggio, ma è dopo la pausa che la sfida si infiamma. Vasques
lascia subito i suoi in inferiorità numerica e sul taglio di Strobl solo un miracoloso
intervento di piede di Bulfon evita l’uno a zero. Sul corner che ne consegue
Hofer si accentra e con un rasoterra ad incrociare coglie un palo clamoroso. Al
5’ sono tuttavia i giovani friulani a rompere l’equilibrio: numero di
Carlevaris, finta e tacco per De Luca che non sbaglia e fa secco Wendlinger.
Non passano nemmeno cinque minuti e la rappresentativa del Friuli Venezia
Giulia archivia virtualmente il match: fuga di Carlevaris, il portiere respinge
il diagonale, ma De Luca insacca a porta sguarnita. Gli austriaci non mollano e
Gritsch centra la traversa con un destro dal limite. In pieno recupero il neo
entrato Crevatin lascia sul posto l’uomo e si invola in area dove è steso da Őlmez: è lo stesso Crevatin ad
incaricarsi della realizzazione che fissa il punteggio sul definitivo 0-3.



CPA TRENTO – CPA BOLZANO 1-0   

 

RETI:
30’ st Santoni (T)

CPA
TRENTO: Bonomini, Battisti (19’ st Trevisan), Cescatti, Dallapiccola, Ermon,
Damonti (13’ st Maniotti), Foccoli, Magnago (16’ st Santoni), Marku, Maturi,
Tedde. All. Grandi 

CPA
BOLZANO: Ferrari, Bounou (19’ st Annegg), Capobianco (8’ st Sgarbi), Gigante
(20’ st Tirabosco), Leonardi, Lurdhi (17’ st Orfanello), Serena, Michaeler,
Mussner, Prearo (9’ st Modena), Zulic. All. Tornatore 

ARBITRO:
Tairi di Arco-Riva (Luciani e Giannone di Arco-Riva)

 

Gara tirata quella fra Trento e Bolzano, con i locali che
escono alla distanza e conquistano meritamente la vittoria. Gli altoatesini
provano a fare la partita, ma Bonomini non corre rischi ed è sempre attento
nell’uscite. Sono comunque i ragazzi di Grandi a costruire le palle-gol
principali: al 7’ punizione dalla destra di Marku che pennella per Foccoli,
stacco ottimo ma sfera sopra la traversa, mentre al quarto d’ora Magnago se ne
va in dribbling e con il mancino conclude senza sorprendere il portiere. Nel
finale altra chance per i trentini: parte tutto dal piede di Marku, piazzato al
centro, svetta Dallapiccola, ma Ferrari è provvidenziale e con un balzo alza in
angolo. Dopo l’intervallo crescono i padroni di casa, ma l’equilibrio si spezza
solo in extremis: Marku riceve sul lato destro dell’area, brucia il marcatore e
appoggia in mezzo per l’inserimento di Santoni che controlla e di punta
anticipa tutti da vero bomber e insacca il gol vittoria.