LINK ALTRI COMITATI E SITI ISTITUZIONALI
 
News
12/04/2021
TRENTINO IN ZONA ARANCIONE: PROSEGUONO GLI ALLENAMENTI IN FORMA INDIVIDUALE

Il Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti, recependo le indicazioni del Ministero della Salute del 12 febbraio 2021, con le quali il Trentino è classificato in zona Arancione, ha emanato l’ordinanza n. 65 del 12/02/2021, in vigore da lunedì 15 febbraio 2021 (v. link).

https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/


In riferimento all’attività sportiva, viene confermata la possibilità di svolgimento in forma “individuale”.

Viene inoltre specificato che “è consentito spostarsi, a prescindere dal numero di abitanti del proprio comune, entro trenta chilometri dal medesimo comune”, “ a tal fine non è necessario giustificare lo spostamento oltre il proprio comune”.

Per quanto riguarda l’attività presso il CFT di Borgo Valsugana, essendo la stessa classificata  come attività di rilevanza nazionale, “il limite dei trenta chilometri non si applica".


L’ordinanza richiama, a ulteriore chiarimento, il DPCM di data 14 gennaio 2021.

Si riporta, pertanto, quanto è stato notificato all’ art. 10, punto “f” del DPCM del 14 gennaio 2021:

f) sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per le attività riabilitative o terapeutiche, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; ferma restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli; sono consentite le attività dei centri di riabilitazione, nonché quelle dei centri di addestramento e delle strutture dedicate esclusivamente al mantenimento dell’efficienza operativa in uso al Comparto Difesa, Sicurezza e Soccorso pubblico, che si svolgono nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti;